MOZ n. 535: Ecobonus scontato in fattura: la Giunta regionale valuti tutte le misure necessarie al fine di tutelare le piccole e medie imprese venete

Data di presentazione: 3 ottobre 2019

Stato: aperta

Presentatori: CONTE Maurizio (Primo firmatario)


CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

DECIMA LEGISLATURA

MOZIONE  N.  535

ECOBONUS SCONTATO IN FATTURA: LA GIUNTA REGIONALE VALUTI TUTTE LE MISURE NECESSARIE AL FINE DI TUTELARE LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE VENETE

presentata il 3 ottobre 2019 dal Consigliere Conte

Il Consiglio regionale del Veneto

PREMESSO CHE:

  • la Legge 58/2019 “misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi”, introduce con l’articolo 10 l’Ecobonus scontato in fattura;

CONSIDERATO CHE:

  • la Legge prevede che per i lavori di riqualificazione energetica o antisismici si possa chiedere, in alternativa alla detrazione fiscale in 10 anni, uno sconto immediato sulle fatture. Sconto che l’impresa potrà farsi rimborsare dallo Stato tramite un corrispondente credito d’imposta da utilizzare esclusivamente in compensazione, in cinque anni. Inoltre, l’impresa potrà scegliere di cedere il credito così acquisito ai suoi fornitori di beni e servizi. Non potrà invece cederlo a istituti di credito e intermediari finanziari;
  • il rapporto Ecobonus 2018 rilasciato da Enea certifica che nel 2018 sono stati effettuati 334 mila interventi di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente per circa 3.300 milioni di euro di investimenti attivati.
  • la Regione Toscana, la Regione Umbria, la Regione Lazio e la Regione Liguria hanno presentato ricorso alla Corte costituzionale contro l’articolo 10 del Decreto Crescita;

RITENUTO CHE:

  • l’Ecobonus scontato in fattura, previsto dall’ articolo 10 del Decreto Crescita, penalizza ed esclude dal mercato, le migliaia di piccole imprese del “sistema casa” che per scarsa liquidità finanziaria o per insufficiente capienza fiscale (per compensare il credito d’imposta) non sono in grado di praticare lo sconto. Ciò a vantaggio dei fornitori più strutturati dotati di elevata capacità finanziaria sufficiente per anticipare la liquidità necessaria a integrare lo sconto;
  • l’Ecobonus, così come articolato, genera un’indebita distorsione del mercato a vantaggio di pochi operatori, a danno delle imprese di medie e piccoli dimensioni che operano nell’ambito della riqualificazione energetica, limitando anche la libertà di scelta al consumatore;

tutto ciò premesso e considerato,

impegna la Giunta regionale

  • ad attuare tutte le misure necessarie al fine di valutare le criticità in sede di applicazione dell’art. 10 commi 1 e 2 della Legge 58/2019;
  • a valutare se ci siano i presupposti per presentare ricorso presso la Corte Costituzionale al fine di dichiarare l’illegittimità costituzionale dell’articolo 10 commi 1 e 2 della Legge 58/2019.

Ti potrebbero interessare anche

Data di presentazione: 17 aprile 2020 Stato: aperta Presentatori: CONTE Maurizio (Primo firmatario) CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO DECIMA LEGISLATURA RISOLUZIONE  N. 134 EMERGENZA CORONAVIRUS: LA REGIONE PROMUOVA UN ACCORDO CON I
Data di presentazione: 10 aprile 2020 Stato: aperta Presentatori: CONTE Maurizio (Primo firmatario) CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO DECIMA LEGISLATURA RISOLUZIONE  N. 133 EMERGENZA CORONAVIRUS: IL PORTALE WEB REGIONALE VENETO.EU PUÒ REALMENTE
Data di presentazione: 10 marzo 2020 Stato: aperta Presentatori: CONTE Maurizio (Primo firmatario) CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO DECIMA LEGISLATURA RISOLUZIONE  N. 131 EMERGENZA CORONAVIRUS: REGIONE VENETO E GOVERNO DEVONO AFFRONTARE DA
Data di presentazione: 2 marzo 2020 Stato: aperta Presentatori: CONTE Maurizio (Primo firmatario) CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO DECIMA LEGISLATURA INTERROGAZIONE RISPOSTA IMMEDIATA  N.  920 CORONAVIRUS E CHIUSURA OSPEDALE DI SCHIAVONIA PER